Che la tecnologia Lte abbia rubato ormai l’attenzione di tutti, si sapeva. Che l’Europa faccia giorno dopo giorno passi da giganti affinchè riesca a  sviluppare la tecnologia così come hanno saputo fare nel continente americano, ecco anche questo si sapeva. Ma in America come hanno realmente accolto la tecnologia Lte? La predisposizione del popolo americano è certamente positiva. D’ altronde come da prassi gli americani amano tutto ciò che è nuovo, il che non implica che una tecnologia debba essere per forza avanzata. Naturalmente però non è il caso della rete Lte o 4G. Dobbiamo dire che la scissione del continente americano tra nord e sud, si è notata anche per l’avanzamento del 4G. Il nord America infatti ha attuato uno sviluppo con compagnie statunitensi supportate da alcune compagnie canadesi specializzate nel campo. Per quanto riguarda l’America latina invece, la rete Lte è stata affidata alla società svedese Ericsson. Sia per il nord che per il sud, ormai è possibile navigare ad elevatissime velocità in quasi tutti gli stati ed in quasi tutte le città. L’evoluzione Lte ha ricoperto quasi del tutto l’intero continente. D’altronde quando gli americani vedono del business in qualcosa, difficilmente si possono fermare. Non a caso, così come previsto, la risposta del popolo americano è stata subito pronta, valorizzando immediatamente la rete 4G.

Tariffe simili a quelle italiane ma con qualche piccola differenza

Da subito dobbiamo sottolineare che l’America ben presto farà in modo che il 4G sia considerato così come il 3G. Con questo intendiamo che non ci saranno più abbonamenti premium, ma la rete Lte diverrà servizio base all’interno degli abbonamenti telefonici. Per il momento però, per colmare anche gli investimenti fatti per lo sviluppo della tecnologia, le compagnie telefoniche americane, hanno offerto al popolo degli abbonamenti premium molto simili a quelli che Tim e Vodafone hanno offerto agli italiani. Infatti mediamente gli abbonamenti costano tra i 40 ed i 60 dollari, pari rispettivamente a circa 30 o 45 euro. Naturalmente parliamo di costi mensili. Partendo da un prezzo simile tra le compagnie americane e quelle italiane, ciò che differisce in realtà è l’offerta. Infatti con 40 dollari, il consumatore americano potrà navigare in Lte senza aver un traffico dati limitato. Con l’offerta da 60 dollari invece, oltre a navigare illimitatamente, il consumatore americano potrà associare la connessione anche a dispositivi esterni, Wi-Fi in particolare.

Non siamo messi poi così male

Certamente l’America, avrà uno stato avanzato rispetto al nostro nell’evoluzione della rete Lte, ma è anche vero, che ormai è da tempo che la tecnologia  Lte è presa in considerazione dagli americani. L’Italia ha accolto da poco il 4G e nonostante tutto, il paese e le compagnie hanno dato una graditissima risposta. Ben presto, per la precisione entro il 2013, l’intero paese sarà totalmente ricoperto dal 4G e tutti potranno beneficiare di questa novissima tecnologia. E’ forse questa la prima volta che apprezziamo la grandezza fisica dell’Italia? Naturalmente si scherza sulle sembianze fisiche del nostro paese, che non essendo molto grande, consente una totale copertura del segnale Lte, in minor tempo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Il 4G in America, 7.0 out of 10 based on 3 ratings