Nei giorni scorsi abbiamo parlato della condizione degli smartphone Lte presenti oggi sul mercato, che non riescono a dimostrare quanto realmente valgono, causa la poca presenza del segnale 4G sui territori italiani e mondiali. In particolare abbiamo trattato il caso dell’ iPhone 5 che spesso è paragonato al modello precedente, dato che in molti non riescono a notare delle differenze che segnano il passaggio dal vecchio al nuovo modello. Dobbiamo però spiegare che l’evoluzione della rete mondiale Lte, non dipende solamente dai gestori che controllano i paesi interessati alla tecnologia, ma da veri e propri accordi tra  gestori telefoni e le società che producono i dispositivi Lte. Infatti ad oggi la rete Lte anche se copre minimamente il territorio mondiale, non possiamo definirla del tutto unitaria. Infatti prendiamo per esempio l’ Italia, che ha circa trenta località dove è presente il segnale Lte, e soprattutto dove, le frequenze Lte non sono libere per tutti. I Tablet per esempio che possono sfruttare la rete 4G sono solo quello di casa Apple e quello di casa Samsung, per  quanto riguarda gli smartphone invece, solo l’iPhone da qualche giorno può navigare in ultra veloce. Insomma la rete Lte non è a disposizione di tutti, ma solamente per i dispositivi figli delle casa produttrici che hanno stretto un accordo con i gestori telefonici. Per questo motivo Apple proprio qualche giorno fa ha stretto un accordo circa il 4G con 36 operatori che operano in 36 stati.

La rete Apple Lte

C’è da premettere che il lavoro Apple circa gli accordi per la rete Lte, è mirato alla crescita del iPhone 5. La casa di Cupertino infatti non nasconde che al momento la priorità è il melafonino, che non è in condizione tale da poter dimostrare la sua vera valenza. Trentasei operatori per trentasei paesi sono tantissimi, calcolando il fatto che prima di questa operazione, Apple aveva stretto accordi con solamente 24 paesi. L’ Italia, come tanti altri paesi europei, è naturalmente tra i 36 nuovi paesi che “sponsorizzano” l’ iPhone 5. L’offensiva Apple è un messaggio chiaro alla casa sud coreana Samsung che al momento ha stretto meno accordi rispetto all’ Apple

Un ennesimo passo avanti

Insomma la rete Lte giorno dopo giorno cresce sempre più. Ormai sono tantissimi i paesi nei quali è possibile navigare in 4G, e sono soprattutto tantissime le società produttrici di dispositivi Lte, che cercano di stringere accordi con i gestori telefonici. Spesso ci viene chiesto quando il segnale 4G sarà presente sul territorio italiano quanto quello 3G. Noi non abbiamo una data precisa, però i gestori telefonici ci fanno pervenire che entro il 2015 l’intero territorio italiano sarà ricoperto dalle frequenze Lte. Ciò che possiamo ribadire, è che i passi avanti si stanno facendo, a noi tocca solamente pazientare.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)