Tablet LTE

iPad 4 Lte sponsorizzato da Tim, Vodafone e Tre



Ad oggi abbiamo sempre parlato in maniera positiva di come il nostro paese ha sviluppato la tecnologia Lte. Possiamo infatti dire che tranne qualche incidente di percorso, l’ Italia ed i gestori telefonici italiani, hanno svolto un lavoro quasi perfetto, bruciando le tappe e iniziando a proporre la linea 4G sin dall’ inizio di novembre. Certo il progetto Lte, al momento è solo alle prime battute, manca ancora tanto per essere completato, ma sappiamo che siamo sulla buona strada. Con ufficialità intanto ci confermano che entro il 2013, le frequenze Lte, ricopriranno tutta l’ Italia. Ci deve essere però un punto a sfavore del progetto italiano per quanto riguarda il 4G, anzi vi confermiamo che c’è un aspetto importante che i gestori telefonici italiani stanno trascurando. Ci riferiamo in particolare al rapporto tra linea 4G e dispositivi predisposti al 4G. Infatti ad oggi sono tantissimi i dispositivi predisposti al 4G, da quelli più richiesti come Samsung e Apple a quelli magari meno richiesti come Asus e ZTE. Il problema però nasce dal fatto che la rete Lte italiana, può essere supportata solamente da alcuni dispositivi. Basta infatti pensare al fatto che solo in questi giorni si sta lavorando per navigare in Lte con l’ultimo Melafonino, l’ iPhone 5. Per questo motivo, i gestori telefonici, cercano di indirizzare i consumatori ad acquistare o associare agli abbonamenti di rete proposti, determinati dispositivi 4G. Nell’ultimo mese, Tim, Tre e Vodafone, stanno offrendo piani abbonamento di rete, associando agli stessi, l’ultimo modello del tablet Apple, l’ iPad 4.

I prezzi e le tariffe per avere un abbonamento Lte con l’ iPad 4

Con un vincolo di durata minima di 30 mesi, Tim fa tre diverse offerte ai consumatori. Tutto Tablet Start, offre 1 Gb di internet al mese più l’ iPad 4 da 16Gb a 25 euro al mese, 30 euro mensili per lìiPad da 32 Gb e 35 euro invece per l’iPad da 64 Gb. Per tutti quelli che necessitano di più Gb di internet, Tim offre Tutto Tablet Large che con 5 Gb d internet mensili, costerà 30 euro con l’ iPad 4 da 16 Gb, 35 euro con quello da 32 Gb e 40 euro con il tablet Apple da 64 Gb. Tutto Tablet 42.2 è invece la tariffa per coloro che necessitano di 10 Gb mensili di traffico dati. Tutto Tablet 42.2 costerà 35 euro con iPad da 16 Gb, 40 euro, con un anticipo di 49 euro, per iPad da 32 Gb ed infine 40 euro, con un anticipo di 99 euro, per l’ iPad da 64 Gb. Vodafone invece non tratta ancora l’ iPad 4 da 64 Gb, basando quindi le offerte solamente sui modelli da 16 e 32 Gb. Sarà possibile avere un iPad 4 da 16 Gb, scegliendo tra queste tre tariffe: Internet 1 anno, il quale con un contributo iniziale di 199 euro e 20 euro di canone mensile, offrirà il tablet Apple e la possibilità di navigare in Lte fino a 1 Gb al mese; Tablet pe Te è invece la seconda tariffa Vodafone la quale prevede un contributo iniziale di 149 euro con un canone mensile di  30 euro, per ricevere l’ iPad 4 con 3 Gb di traffico dati mensili; infine Tablet per Te Fly offrirà 7 Gb di internet ed il tablet Apple a 35 euro mensili con un contributo iniziale di 149 euro. Anche per gli abbonamenti Vodafone, la durata minima è di 30 mesi. Infine Tre Italia, lancia delle offerte basate sulla quantità del traffico dati messo a disposizione. Infatti H3G offrirà 30 Gb di internet con iPad 4 da 16 Gb a soli 29 euro mensili con un contributo iniziale di 99 euro; 30 Gb con iPad 4 da 32 Gb a 29 euro mensili con contributo iniziale di 199 euro; 30 Gb di traffico dati con iPad 4 da 64 Gb a soli 29 euro mensili con 299 euro di contributo iniziale. Naturalmente anche H3G prevede una durata minima di 30 mesi.

I costi elevati

Ad oggi sono stati fatti molti sondaggi in merito alla rete 4G. Ragazzi e adulti mostrano molta curiosità nei confronti della rete di quarta generazione, ma ci fanno capire che ad oggi sottoscrivere un abbonamento Lte, risulta essere molto difficile. In un periodo di crisi come questo, affrontare spese così elevate, è sicuramente una cosa non semplice. Ricordiamo però che a novembre le tariffe partivano addirittura da circa 40 euro per arrivare a poter spendere fino a circa 50 euro. A distanza di qualche mese, i prezzi sono diminuiti fortemente. Per questo motivo, l’unico consiglio che possiamo darvi è sicuramente quello di aspettare ancora un po e vedere come varieranno, se varieranno, i prezzi degli abbonamenti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

iPad mini LTE in arrivo



Una delle aziende leader nel settore della tecnologia e dell’innovazione, è sicuramente l’Apple. L’azienda con sede a Cupertino, California, non ha mai smesso infatti, di stupire il mondo intero, nonostante per molti, con la mancanza di Steve Jobs, l’Apple avrebbe perso grande parte della propria magnificenza. Per chi non sa di chi stiamo parlando, Steve Jobs è stato fondatore ed ideatore dell’ azienda Apple, collaborando direttamente alla creazione di molti prodotti, fin quando circa un anno fa, purtroppo, morì all’età di 56 anni causa un arresto cardiaco. Mr. Jobs è stato l’inventore di dispositivi tecnologicamente avanzati che ad oggi sono parte integrante della vita di una grande fetta della popolazione mondiale. Parliamo naturalmente di dispositivi quali iPhone, iPod, iPad, e molti altri ancora anche nel campo dell’informatica come il famoso iMac, primo computer all-in-one ( caratterizzato dal fatto che tutto era racchiuso in uno schermo), o il ricercatissimo MacBook. L’Apple però nel ricordo di Steve Jobs, ha giustamente continuato a fare ciò che ha sempre saputo fare, ovvero stupire la gente. E’  per questo motivo che il 23 ottobre l’ Apple presenta l’ennesimo dispositivo che stupisce lascia tutti a bocca aperta. Infatti il concetto principe della casa di Cupertino ovvero la maneggevolezza, spesso sinonimo di comodità, viene applicato al mondo dei Tablet di Apple. Nasce così e per questi motivi, il Mini iPad.

iPad mini LTE arriva il 29 novembre

In Italia il mini tablet è sbarcato il 2 Novembre e sin da subito è stato apprezzato dai consumatori italiani. Però come ben sappiamo il popolo italiano è molto, ma molto critico, e vedere un tablet completamente nuovo, ma privo di una nuova tecnologia, ha suscitato un bel pò di dubbi. Infatti l’iPad  mini Italia fino ad  oggi è presente solamente in tre versioni Wi-Fi differenti tra loro per la capacità di memoria interna. Così come per gli iPhone, l’iPad mini potrà avere una capacità di memoria di 16 Gb, 32Gb o infine 64 Gb. Oggi però non parleremo delle caratteristiche tecniche del tablet in oggetto, bensì parleremo di tecnologia. Naturalmente la tecnologia che tratteremo è la tecnologia Lte o meglio conosciuta come 4G. Infatti il vero motivo per il quale gli italiani rimasero il 2 novembre basiti, fu proprio dovuto al fatto che il mini tablet ad oggi non è predisposto alla rete 4G. Ecco quello che oggi vogliamo fare è semplicemente tranquillizzare tutti gli italiani interessati al prodotto, dato che il 29 novembre 2012 in Italia arriverà il iPad mini Lte. Ci sarà di conseguenza l’aggiunta di tre versioni nuove del tablet, dato che alle versioni suddette, si aggiungeranno le versioni Wifi + 4G con 16 Gb,32Gb e 64Gb di memoria interna.

Un ritardo giustificato

Come potevamo immaginare, il mercato già impazzisce, soprattutto perchè il prodotto uscirà solamente  26 giorni prima delle festività natalizie, e per molti sarà oggetto di regalo, sia da fare che da ricevere. Ci informano infatti che i negozianti che tratteranno questo prodotto già hanno liste di prenotazioni lunghissime, non assicurando quindi a tutti la possibilità di averlo entro Natale. Che dire, l’Apple ha la capacità di stupire ormai anche con semplici novità come quelle di rimpicciolire o ingrandire un dispositivo. Gli effetti dei consumatori sono dovuti realmente alle qualità dei dispositivi di Cupertino o al marchio Apple che ormai vive di rendita? Beh, questo sicuramente non possiamo dirvelo noi, ma sicuramente insieme col tempo lo scopriremo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Apple e Samsung si contengono il mercato 4G



Che la rete LTE ormai è una realtà sempre più vicina, l’abbiamo capito. Che le compagnie telefoniche italiane sono ormai pronte ad offrire questo nuovo servizio, anche questo l’abbiamo capito. Quello che forse dobbiamo capire è: le case produttrici di smartphone, tablet e tutti gli altri dispositivi che supportano la LTE, sono davvero pronte? Analizziamolo insieme cercando di capire se la corsa alla 4G ne vale la pena o meno.

Un duopolio a tutti gli effetti

Nonostante il mercato sempre più concorrenziale, anche se sembrerebbe un paradosso, l’oligopolio diventa sempre più un miraggio. Se oggi dovessimo definire il mercato dei tablet e degli smartphone, saremmo costretti a dichiarare che rispecchia un mercato duopolistico a tutti gli effetti. Se fino a qualche anno fa il consumatore a parità di tecnologia aveva scelta libera tra case produttrici come Nokia, Samsung, Apple, Sony, BlackBerry, Motorola e così via, oggi il consumatore qualora volesse acquistare un prodotto di ultimissima generazione sarebbe costretto a scegliere un prodotto solamente tra due case produttrici, ovvero Samsung e Apple.

Scelte o impossibilità?

Di certo non è cosa semplice inseguire una tecnologia, ma per quale motivo Nokia, BlackBerry e Motorola ( in particolare queste tre case), non hanno ancora sposato la tecnologia 4GNokia al momento non ha ancora completato il progetto legato al 4G. Giusto prendere tempo per migliorare il proprio “gioiello” quando gli avversari sono Samsung e Apple; BlackBerry fa sapere che al momento non ha bisogno di sposare la LTE dato che il BlackBerry punta su altre funzionalità;  per quanto riguarda Motorola invece, non abbiamo notizie al momento.

Apple e Samsung a vele spiegate

I colossi del mercato che stiamo prendendo in considerazione – Apple e Samsung – si scontrano tra loro, ma sono in Italia realmente così pronte? Voci di corridoio che arrivano dalla Germania ci riferiscono che l’ iPhone 5 inizia a dare i primi problemi con la linea 4G, non dando quindi una stabilità di rete così come la dava la vecchia linea 3G. Da sottolineare però che al momento queste voci non trovano conferme. Samsung invece ha già iniziato a proporre dispositivi predisposti al 4G anche se in Italia non ha ancora messo a disposizione dei consumatori italiani la punta di diamante della casa coreana. Parliamo naturalmente del Samsung Galaxy S III che in Italia al momento è presente solamente nella versione 3G. Dobbiamo infatti aspettare almeno fino a fine anno per poterlo veder vestire i panni del 4G.

E il mercato italiano?

Non possiamo dire altro che in Italia i gestori telefonici hanno realmente fatto un bel lavoro. Hanno subito centrato l’obiettivo, chi prima chi dopo, facendo in modo che per una volta a rincorrere non siamo noi.  Certo c’è ancora tanto da lavorare, bisogna completare i progetti di H3G e Wind così come allargare le forniture Vodafone e TIM in più parti d’Italia. Al momento siamo sulla buona strada e sicuramente presto ne vedremo delle belle.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Apple presenta il nuovo iPad mini


Una piccola grande invenzione

Con svariati modelli di Tablet che il mercato offre, Apple ha deciso di dedicarsi al mercato del “Tab” cercando di allargare il target di consumatori. Il tutto consisterebbe nel produrre un dispositivo per tutti coloro che fino ad oggi hanno snobbato i Tablet a causa delle eccessive dimensioni. A poche ore dalla presentazione ufficiale, ecco a voi il iPad mini.

Novità e caratteristiche – iPad mini con supporto 4G LTE

Partiamo dal fatto che il iPad mini non è altro che la versione rimpicciolita dell’iPad 2, ed è proprio per questo che le novità principali sono le sue misure. Il Mini iPad infatti si presenta con uno schermo da 7,9 pollici con una risoluzione da 1024 x 768 pixel per un formato che sarà di 4:3. I colori disponibili saranno il bianco ed il nero ardesia. Potrete scegliere tra le versioni da 16 Gb, da 32Gb o da 64 Gb di memoria interna. Molte caratteristiche restano però le stesse dell’ iPad 2. Il iPad mini presenta infatti un processore che sarà l’  A 5 dual core, una videocamera frontale che permetterà il Facetime in alta definizione, una fotocamera posteriore che sarà nuovamente la iSight da 5 Megapixel con sensore BSI. Apple inoltre ha reso il iPad mini a tutti gli effetti di ultima generazione predisponendo il piccolo tablet per la linea 4G o LTE. Questa è forse la novità più convincente dato che molti consumatori oramai considerano la LTE già indispensabile.

Prezzi e mercato italiano

Il Mini iPad verrà lanciato sul mercato italiano il 2 Novembre soltanto. I prezzi varieranno in base alle versioni, le quali potranno essere la versione Wi-Fi o la versione Wi-Fi + 4G e naturalmente in base alla capacità della memoria. I prezzi partiranno quindi da 329 euro per la versione 16 GB Wi-Fi,  429 euro per quello da 32Gb Wi-Fi e 529 euro per la versione da 64 Gb Wi-FI. Le versioni Wi-Fi + Cellular avranno invece  un costo  di partenza naturalmente superiore. La versione da 16 Gb costerà infatti 445 euro, 559 euro sarà il prezzo del 32 Gb e 659 euro invece il prezzo per la versione da 64 Gb.

Conclusioni

Tutto sommato il Mini iPad risulta semplicemente rinnovato. Apple infatti produce questo nuovo tablet dopo aver analizzato i punti deboli dei tablet con dimensioni simili. Le ricerche Apple infatti si sono basate sul fatto che secondo gli ingegneri di Cupertino, il limite più grande dei tablet di 7 o 8 pollici è sempre stato il formato. Secondo l’ Apple infatti il formato 16:9 non offre un’ area visiva adatta. Con il formato 4:3 infatti il Mini iPad  infatti ha guadagnato un’ area visiva maggiorata di 1/3. Insomma dobbiamo dare tempo al tempo per capire se l’ intuizione firmata Apple è stata giusta. Con dati alla mano sembrerebbe di si, ma sappiamo che soltanto i consumatori decideranno se premiare o meno la politica Apple.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Asus Padfone: un probabile rivale con supporto LTE



Spesso i consumatori, grazie ad un mercato tecnologico ricco il quale giorno dopo giorno offre nuovi dispositivi, si ritrovano a dover scegliere se acquistare uno smartphone come l’iPhone 5, il Samsung Galaxy SIII, il Nokia Lumia e tanti altri modelli, o un Tablet in particolare tra quello di casa Apple ovvero l’iPad o quello di casa Samsung cioè il Galaxy Tab. Ma ci sono delle alternative?

Smartphone + Tablet? Diversi risultati poco soddisfacenti

Nonostante ci siano stati da parte di molte case produttrici tentativi nel cercare di incorporare uno smartphone ed un Tablet in un unico scheletro, purtroppo dobbiamo dire che  ad oggi ciò che ci restano sono soprattutto risultati non soddisfacenti. Samsung forse è stata l’unica casa a fornire un prodotto abbastanza convincente come il Samsung Galaxy Note. C’è da dire che se inizialmente fu molto apprezzato, col passare del tempo il Note è stato giudicato da molti un dispositivo scomodo a tutti gli effetti. Ci riferiamo naturalmente alla grandezza (schermo da 5,3 pollici) che risultò eccessiva a tal punto da diventare un hand-phone, telefono da mano, dato che molte persone, non potendolo inserire in tasca, erano costrette a tenerlo in mano. Il mercato di questi “Ibridi” però continua per fortuna ad andare avanti, e se dico “per fortuna” è solamente perché finalmente si iniziano a vedere i primi risultati positivi.

Arriva il primo risultato positivo: l’Asus Padfone

In particolare, se Samsung ha ormai terminato il progetto del Galaxy Note II, la risposta arriva da Asus che già sta iniziando a commercializzare il nuovo ibrido chiamato Padfone 2. Il Padfone 2 ha spiazzato tutti, sconvolgendo il mercato degli smartphone e dei Tablet, che oramai era da un po di tempo nelle grinfie di Apple e Samsung.

Scheda tecnica del Asus Padfone

Il Padfone presenta: un processore Snap Dragon S4 quad core con architettura cortex-A15 ed in particolare con 2 GB di RAM dedicati; lo schermoavrà 1280 x 720 pixel che si svilupperanno su 4,7 pollici di diagonale in tecnologia LCD IGZO prodotta direttamente da Sharp; non poteva naturalmente mancare la predisposizione alla LTE che nell’ambito della connettività si aggiunge ai vecchi supporti come il  3G, il Bluetooth, l’ NFC, il GPS ed infine il WiFi; la fotocamera sarà posteriore da 13 megapixel e frontale da 1,3 megapixel; infine la memoria integrata potrà essere o da 32 gb o da 64 gb.

Asus Padfone meglio di iPhone5 e Galaxy S3

Fatto sta che caratteristiche alla mano, il Padfone risulta superiore a iPhone5 e Galaxy SIII, ma questo nonostante sia un argomento principale, per i consumatori diventa relativo. Bisogna pensare infatti che i consumatori italiani, acquistano soprattutto quando hanno fiducia in ciò che stanno andando a comprare, e sappiamo che Apple e Samsung da un po di anni fanno innamorare i consumatori con i loro prodotti. Lo scetticismo nell’acquistare un prodotto nuovo è purtroppo un tappo che ottura sempre più un mercato in espansione fatto da società che spesso abbandonano il loro settore principale per dedicarsi a settori secondari. In bocca al lupo quindi ad Asus che anno dopo anno, ci rende participi delle sue innovazioni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Huawei MediaPad 4G LTE rosa, nero e bronzo



Oltre ai numeri, la nuova teconologia 4G LTE, ha prestato particolare attenzione al design, che diventa sempre più oggetto di ricerca e miglioramento. In particolar modo il Huawei MediaPad ha proposto sul mercato differenti colori per un vasto pubblico. E’ avvenuto a Las Vegas durante il CES 2012, dove il citato prodotto è stato presentato in rosa, bronzo e nero. Indubbiamente la scelta è servita a distribuire in maniera più dettaglia il target. Oltre all’aspetto estetico, bisogna spendere due parole in chiave tecnica per il Huawei MediaPad: sono disponibili sia da 7 che da 10 pollici. Il sistema operativo è quello di google e il processore Qualcomm SnapDragon dual core da 1.2 GHz, un display da 1.280 x 800 pixel a 217ppi e una batteria che promette una durata di 6 ore circa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

iPad 3: il futuro è schermo HD e connettività 4G LTE



Tra febbraio e marzo la apple lancerà sul mercato il nuovo ipad 3, a differenza dei suoi predecessori il nuovo tablet dovrebbe essere dotato di schermo HD e connettività 4G LTE. Anche la linea del corpo macchina è rivoluzionaria, si è infatti inteso che sarà proposto sul mercato un modello più sottile dell’ipad 2. Lo schermo HD è certo che avrà una risoluzione elevatissima escludendo la tipologia IGZO, con un device strutturato da una doppia fila di led per la retroilluminazione. Scelta che implica uno spessore maggiore del corpo macchina, anche se (come detto) una fonte anonima di Cult of Mac ci assicura che l’ipad 3 sarà particolarmente sottile. I processori, gli A6, saranno prodotti dalla Samsung. Sono dei chip quad-core con una potenza doppia rispetto a quelli dell’ipad2. Infine la connettività, come introdotto in principio supporteranno le reti LTE di quarta generazione garantendo fino a 100 Mbit/s.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Un gioco da ragazzi le app Android per Blackberry Playbook



A febbraio verrà aggiornato il sistema operativo Playbook OS 2.0, in tal modo sarà facile e veloce convertire le applicazioni nate per Android. Così facendo la gran parte delle app Android gireranno sul Blackberry Playbook senza dover riscrivere il codice. E’ probabile poi, che il prezzo di mercato verrà diminuito per volontà della RIM, intenta a far diffondere il suo tabloid il più possibile. In effetti questo non ha avuto fino ad oggi molta fortuna, soprattutto considerando le ottime capacità tecniche del prodotto. Questa notizia è molto importante visto che finora la maggior parte degli utenti hanno trovato difficoltà nel gestire le applicazioni nate per il mondo android e gestirle con l’interfaccia e i comandi del Playbook.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Aria di Saldi per il Sony Tablet S



L’alta dirigenza della Sony ha deciso di abbassare ulteriormente il prezzo del Sony Tablet S. Un primo abbassamento di prezzo c’era già stato, portando il costoso apparecchio alla più modesta cifra di 499 euro. Gennaio è, come si sa, il mese dei saldi e pare che un nuovo ribasso invoglierà in molti all’acquisto del Sony Tablet S. Il prezzo di mercato è fissato per 399 euro, un bel affare se consideriamo il valore di questo oggetto. Ma le sorprese non sono finite, infatti pare che comprandolo tramite lo shop Sony di Amazon il saldo scenderebbe fino a 368 euro. I prezzi in questione riguardano esclusivamente il modello a 16 gb, ma anche quello di 32 gb sarà soggetto ad una riduzione di prezzo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Motorola Droid Xyboard 8.2 e 10.1: i nuovi tablet Xoom 4G LTE



I modelli tablet Xoom di Motorola si chiamano ora Droid Xyboard, sono questi infatti l’ultima generazione che sono stati presentati dalla famosa casa Americana. Al momento sappiamo che l’uscita di lancio sarà prevista per i soli Stati Uniti, perchè lì la velocità della rete 4G LTE raggiunge parametri altissimi. Come si era detto i nuovi dispostivi non verranno prodotti con il sistema operativo Android 4 Ice Cream Sandwich, si è preferito utilizzare Honeycomb 3.2. Quest’ultimo però, verrà sicuramente aggiornato una volta terminate le fasi di assestamento del sistema operativo di Google. A gestire la vendita sarà “Verizon”, un grande gestore che si occupa di telefonia mobile. E’ già possibile trovare in vendita i nuovi Xyboard da 8.2 e 10.1 pollici con contratti da 2 anni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)